Codice di Monitoraggio Google Analytics

Come inserire il codice di monitoraggio Google Analytics

Quando decidi di aprire un sito web, pensa anche a come tracciare le interazioni degli utenti col sito stesso. Uno dei metodi più diffusi è quello di utilizzare Google Analytics: un prodotto Google gratuito che prevede l’installazione di un codice di monitoraggio.

Basta accedere a Google Analytics con la tua gmail, creare un nuovo account e quindi una nuova proprietà. Al termine della procedura finirai su una schermata contenente il codice di monitoraggio, il quale avrà questo aspetto:

<script>
 (function(i,s,o,g,r,a,m){i[‘GoogleAnalyticsObject’]=r;i[r]=i[r]||function(){
 (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o),
m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m)
 })(window,document,’script’,’//www.google-analytics.com/analytics.js’,’ga’);

 ga(‘create’, ‘UA-XXXXXXXX-1’, ‘auto’);
 ga(‘send’, ‘pageview’);

</script>

A questo punto non dovrai far altro che copiare il codice e incollarlo prima della chiusura del tag </head> del tuo sito web.

La procedura per l’inserimento è diversa in base a come è stato realizzato il sito web, se hai utilizzato un CMS troverai probabilmente dei plugin che ti inseriscono il codice in modo automatico.

Verificare se l’implementazione del codice di monitoraggio è riuscita:

  1. Installa l’estensione di Chrome Tag Assistant, la quale ti consente di vedere i codici di monitoraggio presenti nel sito web, e vedi il responso per il tuo sito;
  2. Apri il codice sorgente della pagina e assicurati che sia implementato prima del tag </head>, in quella posizione consente la raccolta di tutte le sessioni, anche se la pagina non è stata caricata completamente;
  3. Dal pannello Analytics > Rapporti > In Tempo reale (dal menù grigio a sinistra) > prova degli accessi sul tuo sito e verifica che vengano conteggiati.
  4. Accedi al pannello Analytics > Amministrazione > Seleziona account > Seleziona proprietà > Informazioni sul codice di monitoraggio > e osserva se lo “Stato è in “ricezione dati”.

Se per tutti i punti la risposta è affermativa vuol dire che il tuo sito web è ora monitorato.

Diversamente, per i punti 1 e 2 riprova l’inserimento del codice di monitoraggio; per il punto 4, se la tua vista non è filtrata, allora devi solo attendere; per il punto 3 verifica quale sia lo “stato” del codice, da esso dipende la soluzione del problema:

  • “In attesa di dati”, significa che  il codice è stato riconosciuto, Analytics sta elaborando i dati: attendi!
  • “Codice di monitoraggio non installato o non verificato”, in questo caso per Analytics il codice non risulta implementato in tutte le pagine del tuo sito web. Ho inserito la “verifica dello stato” come ultimo passaggio perché se i passaggi precedenti hanno esiti positivi, vuol dire che devi solo attendere!

Molto spesso i dati in tempo reale vengono visionati subito dopo l’inserimento del codice di monitoraggio, ma lo stato resta su “non installato”, questo perché di norma per l’attivazione sono richieste dalle 2 alle 48 ore, ma conosco casi in cui la ricezione è cominciata dopo una settimana, quindi non allarmarti subito e attendi.

Credo che la spiegazione sia chiara e la procedura semplice, ma se hai problemi non esitare a chiedere!

Buon lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>